Toscana

Ceccardi (ID-LEGA): “Solidarietà alla comunità ebraica livornese per le vergognose scritte antisemite”

Ceccardi (ID-LEGA): “Solidarietà alla comunità ebraica livornese per le vergognose scritte antisemite” 1280 720 redazione web


Ceccardi (ID-LEGA): “Solidarietà alla comunità ebraica livornese per le vergognose scritte antisemite”

“Voglio esprimere la mia più totale e sincera solidarietà alla comunità ebraica di Livorno, ancora al centro di episodi di antisemitismo”: lo dice l’europarlamentare Susanna Ceccardi, gruppo Id-Lega.

Nelle scorse ore è apparso, sulla saracinesca di uno dei banchi del mercato centrale di Livorno, il disegno di una stella di David impiccata a un patibolo. “Un gesto inqualificabile – prosegue Ceccardi – e inaccettabile. A Livorno, una città in cui la comunità ebraica ricopre un’importanza assoluta, con la presenza di numerosi esponenti e della Sinagoga, non possiamo permetterci di tollerare ancora una volta questi episodi che sono frutto di un clima di odio e intolleranza. Sono fatti da condannare in toto e su cui intervenire e mi auguro le forze dell’ordine possano risalire ai responsabili nel più breve tempo possibile”.

Ceccardi continua  chiarendo che “in un territorio che ha sempre portato rispetto alla comunità ebraica, come quello toscano, la vicinanza della sottoscritta e di tutta la Lega toscana è d’obbligo. Il nostro partito non può tollerare – conclude – un ulteriore episodio di antisemitismo che segue i tanti già avvenuti a Livorno e nel Granducato nel corso del tempo”.

Cultura, Ceccardi (Lega): indignata per cancellazione spettacolo Buscemi a Castiglioncello

Cultura, Ceccardi (Lega): indignata per cancellazione spettacolo Buscemi a Castiglioncello 645 433 redazione web


Cultura, Ceccardi (Lega): indignata per cancellazione spettacolo Buscemi a Castiglioncello

“Andrea Buscemi è un attore e regista teatrale di indiscusso valore. Ha costruito negli anni una carriera solida e poliedrica. Tra le sue messe in scena più riuscite c’è senz’altro L’Avaro di Molière. E’ quindi solo frutto di una indegna discriminazione politica, tipica della sinistra,  se è stata annullata la rappresentazione proprio de L’Avaro a Castello Pasquini di Castiglioncello”.
Lo afferma l’europarlamentare della Lega, Susanna Ceccardi.
“Di Buscemi ho grandissima stima, pure come uomo al servizio della cultura. L’ho potuto constatare quando era direttore artistico al teatro di Cascina, durante il mio mandato da sindaco, anni nei quali in cartellone non sono mai mancati artisti dichiaratamente di sinistra, da Panariello a Capossela a Haber, nonché Scanzi e Travaglio. Non ci siamo mai sognati di scegliere gli spettacoli sulla base delle appartenenze politiche dei loro autori. Adesso a Buscemi viene negato il palco perché simpatizza per la Lega! Ecco servita la differenza tra noi e la sinistra”.
“Rivolgo tutta la mia solidarietà a Buscemi e alle attrici Eva Robin’s, Martina Benedetti e Livia Castellana, che hanno rivolto un’ineccepibile lettera aperta al sindaco di Rosignano, ricordando, tra l’altro, che il Festival ha ricevuto sovvenzioni pubbliche, si svolge in uno spazio pubblico e non può essere trattato da direttore artistico e assessore come una proprietà loro”.

Incendio Massarosa,Ceccardi: si profila disastro ambientale ed economic

Incendio Massarosa,Ceccardi: si profila disastro ambientale ed economic 375 231 redazione web

Incendio Massarosa,Ceccardi: si profila disastro ambientale ed economico

“L’incendio che è divampato ieri sera a Massarosa è di dimensioni impressionanti. Si profila un disastro di grandi proporzioni, in termini ambientali, paesaggistici ed economici. Le istituzioni, in primis la Regione, dovranno stare accanto alle famiglie, che hanno perso la propria casa, divorata dalle fiamme, e alle aziende del territorio, che purtroppo dovranno fare la conta di pesanti danni, a cominciare da quelle agricole. Rivolgo un ringraziamento infinito ai Vigili del Fuoco, alla Protezione civile, a tutti gli operatori e i volontari impegnati in queste ore così drammatiche”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega.

Infermiere spiate a Empoli, Ceccardi, Picchielli e Bianconi (Lega): “solidarietà a donne coinvolte, attendiamo con fiducia esito inchiesta”

Infermiere spiate a Empoli, Ceccardi, Picchielli e Bianconi (Lega): “solidarietà a donne coinvolte, attendiamo con fiducia esito inchiesta” 1280 720 redazione web


Infermiere spiate a Empoli, Ceccardi, Picchielli e Bianconi (Lega): “solidarietà a donne coinvolte, attendiamo con fiducia esito inchiesta”

“Ci auguriamo che i responsabili di questo atto gravissimo siano individuati entro breve e severamente puniti. Esprimiamo la nostra solidarietà alle donne coinvolte, che ora vivono anche con la paura della diffusione delle immagini e attendiamo con fiducia l’esito delle indagini. Dalla ricostruzione di quanto accaduto sarà importante capire come evitare che un episodio del genere possa ripetersi”. Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, il gruppo Lega Salvini Premier del Consiglio comunale di Empoli, con il capogruppo Andrea Picchielli e la rappresentante della Commissione Pari opportunità,Tiziana Bianconi, esprimono la propria indignazione sul caso delle infermiere spiate sotto la doccia al piano terra dell’ospedale San Giuseppe di Empoli. “Una telecamera appena più grande di una testa di spillo -ricordano gli esponenti leghisti- riprendeva le operatrici sanitarie mentre erano sotto la doccia e inviava le immagini su un monitor dall’altra parte della parete dove c’è lo spogliatoio riservato al personale tecnico addetto alle manutenzioni. Non si tratta di molestia ma di un reato di violenza privata e interferenza illecita nella vita privata e ora si teme che le immagini vadano sul web. Questa vicenda ignobile ha ferito fortemente la dignità di di infermiere, ostetriche e OSS del San Giuseppe che ogni giorno svolgono il loro lavoro con grande senso del dovere e con dedizione”.
“Purtroppo -continua Ceccardi- nemmeno le ultime inchieste giudiziarie, dal keu a Podere Rota, hanno scalfito  le granitiche convinzioni della Giunta regionale. Le direttive europee ci impongono di ridurre al 10% entro il 2035 il conferimento dei rifiuti in discarica, ma da quest’orecchio la sinistra toscana proprio non ci sente”.
 “E’ giusto e doveroso accelerare sulla raccolta differenziata e la creazione di distretti di economia circolare, ma tutto questo può avvenire assieme alla realizzazione di moderni impianti, dal basso impatto ambientale e in grado di produrre energia”, conclude Ceccardi.

Rifiuti, Ceccardi (Lega): basta aumenti Tari in Toscana, servono termovalorizzatori

Rifiuti, Ceccardi (Lega): basta aumenti Tari in Toscana, servono termovalorizzatori 670 402 redazione web


Rifiuti, Ceccardi (Lega): basta aumenti Tari in Toscana, servono termovalorizzatori

“I nodi della gestione dei rifiuti in Toscana stanno venendo al pettine. Molte amministrazioni comunali stanno facendo il possibile per ‘congelare’ o ‘attenuare’ i rincari della Tari. Ma questi rincari, fino a che la Regione si opporrà per pura ideologia agli impianti di termovalorizzazione, sono destinati a riproporsi negli anni a venire”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega.
“La Toscana da tempo è tra le Regioni con l’imposta dei rifiuti più alta in Italia. La situazione è grave e colpisce pesantemente famiglie e imprese. Possibile che gli ambientalisti di sinistra non abbiano mai nulla da ridire contro l’inquinamento prodotto dalle discariche e dai migliaia di camion di rifiuti che girano per la Penisola da una Regione all’altra?”
“Purtroppo -continua Ceccardi- nemmeno le ultime inchieste giudiziarie, dal keu a Podere Rota, hanno scalfito  le granitiche convinzioni della Giunta regionale. Le direttive europee ci impongono di ridurre al 10% entro il 2035 il conferimento dei rifiuti in discarica, ma da quest’orecchio la sinistra toscana proprio non ci sente”.
 “E’ giusto e doveroso accelerare sulla raccolta differenziata e la creazione di distretti di economia circolare, ma tutto questo può avvenire assieme alla realizzazione di moderni impianti, dal basso impatto ambientale e in grado di produrre energia”, conclude Ceccardi.

Case popolari, Ceccardi (Lega): il Pd per vendetta contro di me rade al suolo i diritti dei cascinesi

Case popolari, Ceccardi (Lega): il Pd per vendetta contro di me rade al suolo i diritti dei cascinesi 1200 1500 redazione web


Case popolari, Ceccardi (Lega): il Pd per vendetta contro di me rade al suolo i diritti dei cascinesi

“Con infantile spirito di rivalsa nei miei confronti, il Partito democratico sta radendo al suolo i diritti dei cascinesi. Le nuove regole per l’assegnazione degli alloggi in emergenza abitativa seguono la logica della propaganda ideologica e della discriminazione alla rovescia: di fatto chiunque, con un basso Isee, che sia cittadino comunitario, o extracomunitario con permesso di soggiorno, avrà i requisiti sufficienti per accedere agli alloggi di emergenza. Togliere il criterio dei due anni di residenza nel comune e la certificazione degli immobili posseduti all’estero come requisito necessario per l’accesso, è qualcosa di follemente sbagliato e ingiusto e attira nel nostro comune tutti i casi emergenziali anche da altri comuni”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega.
“Con i miglioramenti che avevamo adottato i primi posti delle graduatorie di assegnazione erano occupati, giustamente, da italiani. Invece, per il sindaco Betti e la sua Giunta, animati unicamente dal desiderio di vendetta nei miei confronti, è normale che un cittadino che da sempre vive e lavora a Cascina, ma magari ha perso il lavoro, ed è stato sfrattato, si veda superato da qualcuno di un’altra parte della Toscana, dell’Italia, o di qualunque parte del mondo. Persino gli immigrati che da anni risiedono nel territorio di Cascina e lavorano regolarmente sono penalizzati e discriminati dal nuovo regolamento”
“La norma da me introdotta, che impediva l’assegnazione agli stranieri che in patria vantano una o più proprietà immobiliari, era dettata dal  semplice buon senso. Sentire oggi il sindaco parlare di ristabilita giustizia sociale, è davvero imbarazzante. Altro che giustizia: ingiustizia è fatta!”
“Come Lega, ad ogni livello, continueremo a batterci perché ovunque siano riconosciuti i diritti degli italiani, che si vedono sorpassare dagli extracomunitari nell’assegnazione delle case popolari”, conclude Ceccardi.

Diritto Famiglia, Ceccardi (Lega): bene convegno sabato a Pisa, rabbia delle femministe del tutto fuori luogo

Diritto Famiglia, Ceccardi (Lega): bene convegno sabato a Pisa, rabbia delle femministe del tutto fuori luogo 1000 563 redazione web


Diritto Famiglia, Ceccardi (Lega): bene convegno sabato a Pisa, rabbia delle femministe del tutto fuori luogo

“Il confine tra la critica e la repressione è stato ancora una volta oltrepassato dalle femministe dalle solite sigle. Che pontificano, immaginando di rappresentare, a torto, tutte le donne del mondo”. Così Susanna Ceccardi, eurodeputata della Lega, commenta la levata di scudi di Non Una di Meno e della Casa della Donna contro il convegno previsto sabato alle Officine Garibaldi di Pisa, dal titolo “Relazioni Familiari Bene Comune”.

“Addirittura -continua Ceccardi- le organizzatrici della protesta dicono di aver appreso ‘con rabbia’ la notizia del convegno. E chiedono all’Ordine degli avvocati di non riconoscere gli accrediti validi come formazione ai legali che assisteranno al convegno. E’ proprio il mondo alla rovescia: il fatto che oltre a Regione Toscana e Comune di Pisa, il convegno abbia ricevuto il riconoscimento formale dell’Ordine degli Avvocati dovrebbe far riflettere sulla solidità giuridica e professionale del dibattito, di coloro che vi prendono parte e delle motivazioni che hanno spinto a promuoverlo”

“Motivazioni -aggiunge Ceccardi- che sono molto importanti, e sono comprensibili anche a chi non condivide necessariamente l’impostazione del Ddl Pillon, tirato ossessivamente in ballo dalle stesse femministe. L’intero mondo che ruota intorno alla difficilissima e delicatissima questione della separazione dei genitori, sa benissimo che il principio della bigenitorialità, sancita sulla carta dalla legge del 2006, ha bisogno tuttora di un’applicazione concreta. Rendere la separazione non più difficile, ma più consapevole da parte di una coppia con figli, fare in modo che, come accade ancora oggi in Italia, non sia sempre e solo la donna a svolgere il ruolo di genitore dopo la separazione, ricondurre il tema complessivo alla centralità del nucleo familiare, sono obiettivi nobili e moderni, e che non si possono liquidare con qualche slogan degli anni Settanta.

“Sul Ddl Pillon e sulla questione della bigenitorialità girano tante, tantissime fake news in rete. Un convegno di esperti in materia è quindi indispensabile. Le femministe non saranno mai d’accordo, pensino pure ad organizzare i loro di convegni, ma opporsi ad un evento in quanto tale, chiedere agli avvocati di ritirare i crediti formativi, ricostruire tutta una serie di scenari apocalittici che deriverebbero dalla difesa della bigenitorialità, è segno di una cultura profondamente antidemocratica”.

Toscana Aeroporti, Ceccardi (Lega): parole di Naldi su società handling smentiscono Giani

Toscana Aeroporti, Ceccardi (Lega): parole di Naldi su società handling smentiscono Giani 1195 386 redazione web


Toscana Aeroporti, Ceccardi (Lega): parole di Naldi su società handling smentiscono Giani

“La volontà di Toscana Aeroporti di cedere Toscana Aeroporti Handling, che conta circa 450 lavoratori tra gli scali di Firenze e Pisa, resta in piedi, ed è da tenere distinta dalla vicenda della distribuzione dei dividendi tra i soci. La conferma arriva dalle parole dell’amministratore delegato, Roberto Naldi, nell’intervista odierna a La Nazione, parole che suonano come una smentita nei confronti del presidente Giani”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega. “Naldi ricorda con franchezza che Toscana Aeroporti non ha mai nascosto nemmeno alle parti sociali l’intenzione di cedere le società di handling, e ribadisce di voler concentrare le risorse della società nel core business, cioè sullo sviluppo degli scali e del traffico aereo.
Quindi  -aggiunge Ceccardi- l’argomento utilizzato da Giani in questi giorni, e cioè che i 10 milioni dei ristori siano serviti anche per dissuadere ogni progetto di esternalizzazione dei servizi di handling, è privo di fondamento. Del resto tutti sanno che se finora quell’operazione non è andata in porto, è per semplici ragioni di mercato”, conclude l’europarlamentare.

Base dei carabinieri, Ceccardi (Lega): “occasione per il territorio e per la nostra sicurezza”

Base dei carabinieri, Ceccardi (Lega): “occasione per il territorio e per la nostra sicurezza” 1080 719 redazione web


Base dei carabinieri, Ceccardi (Lega): “occasione per il territorio e per la nostra sicurezza”

“L’ipotesi di un nuovo insediamento dei Carabinieri nell’area pisana è una ottima notizia per il territorio. Il progetto, assolutamente in linea con i nuovi modelli di edilizia ecosostenibile, è un’occasione da non perdere per riqualificare le aree abbandonate della città”. Lo afferma l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi.

“Capisco le riserve del sindaco Conti, che, appena uscita la notizia, ha voluto chiarimenti più approfonditi dal governo e soprattutto un coinvolgimento del Comune per lo sviluppo del progetto. Questa richiesta è più che legittima. Invece non sono assolutamente giustificabili i no aprioristici della sinistra ideologica, contraria solo perché si tratta di un insediamento militare. Dove erano le associazioni della sinistra ambientalista -chiede Ceccardi- quando c’era da dire no al progetto ‘Città Sottili’, un campo rom a cielo aperto che ha prodotto negli anni un inquinamento spaventoso all’interno del parco di San Rossore, insieme alle note vicende criminali di induzione al matrimonio di minorenni, furti e ricettazione?”

“Riqualificare l’area dell’ex Centro radar di Coltano inoltre può essere un’occasione utile per trovare finalmente una destinazione d’uso a quel sito. L’alternativa, fino a pochi mesi fa, era un centro di identificazione ed espulsione per immigrati. Ipotesi che non sarebbe del tutto esclusa, nel caso in cui i carabinieri non si insediassero proprio lì”, aggiunge Ceccardi.

“Con l’arma dei Carabinieri, cittadini e istituzioni hanno sempre avuto un rapporto proficuo e la presenza rafforzata di militari e delle loro famiglie sul nostro territorio è una vera e propria opportunità da cogliere. Mi auguro -prosegue l’eurodeputata- che il Ministero, la Regione ed il Comune trovino al più presto la sintesi progettuale perché a questo punto l’opera deve farsi il più presto possibile”Ceccardi rivolge “un ringraziamento all’arma dei Carabinieri che con grande senso delle istituzioni ha subito dimostrato la disponibilità al dialogo e a trovare per il territorio la soluzione migliore e meno impattante. Sono grata a a tutte le forze armate che -conclude Ceccardi- con coraggio e dedizione operano per la sicurezza Nazionale”.

Rifiuti, Ceccardi e Casucci (Lega): azione magistratura porti a una svolta su Podere Rota

Rifiuti, Ceccardi e Casucci (Lega): azione magistratura porti a una svolta su Podere Rota 1320 742 redazione web


Rifiuti, Ceccardi e Casucci (Lega): azione magistratura porti a una svolta su Podere Rota

Speriamo che l’azione della magistratura serva a dare una svolta alla vicenda della discarica di Podere Rota, che si trascina ormai da decenni. La posizione della Lega è sempre stata chiara e netta a riguardo: la discarica deve essere chiusa, e il Valdarno non può continuare ad essere il terminale dei rifiuti che arrivano, non solo dalla provincia di Arezzo, ma anche dall’area metropolitana fiorentina. Appare chiaro, più in generale, che come già emerso con l’inchiesta keu, vi sia un problema gigantesco di governance del settore, ovviamente targata Pd, in Toscana. Il piano dei rifiuti è un libro dei sogni che di volta in volta viene aggiornato con obiettivi sempre più mirabolanti e che non vengono attuati”. Lo affermano l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi e il vicepresidente del Consiglio regionale, Marco Casucci.

“La sinistra, accecata dall’ideologia, continua nella sua guerra al progresso tecnologico, non vuole sentire nemmeno parlare di termovalorizzatori di ultima generazione, e insiste nel portare le discariche al collasso e i nostri territori al disastro. Manca una coerente visione di insieme, anche all’interno dello stesso Pd, dove, come appunto nel caso di Podere Rota, gli interessi di un’amministrazione comunale si sono scontrati con quelli dell’amministrazione confinante”, aggiungono Ceccardi e Casucci.