Toscana

Toscana, Ceccardi: tra un mese scade messa in mora Ue per Tirrenica

Toscana, Ceccardi: tra un mese scade messa in mora Ue per Tirrenica 800 400 redazione web


Toscana, Ceccardi: tra un mese scade messa in mora Ue per Tirrenica

“Le infrastrutture strategiche per la Toscana restano un miraggio. C’è uno stallo gravissimo, da molti anni, la cui colpa non può essere sempre ascrivibile alla troppa burocrazia o alla mancanza di investimenti pubblici. Questi problemi ci sono, ma valgono per tutto il Paese, e non sono sufficienti a spiegare il caso Toscana”. Lo afferma l’europarlamentare della Lega, Susanna Ceccardi.

“Se, ad esempio -aggiunge Ceccardi- l’Alta Velocità, a Firenze, dopo 15 anni di lavori, ne prevede almeno altri 7, è evidente che una riflessione sulla genesi e lo sviluppo del progetto, prima o poi andrebbe fatta. Lo stesso si può dire per la novella dello stento della Due Mari o della Tirrenica. Su questi elefantiaci ritardi, la classe dirigente politica della Regione, visto oltretutto che è dello stesso colore da sempre, non può sfuggire alle proprie responsabilità, trovando di volta in volta nuovi capri espiatori”.

“Proprio sulla Tirrenica è preoccupante il fatto che tra poco più di un mese scadano i termini per rispondere alla messa in mora dell’Italia da parte della Commissione europea e che su questo ci sia l’assoluto silenzio della Giunta regionale. Ho sollecitato la Commissione -sottolinea Ceccardi- con una mia interrogazione, per capire l’entità delle sanzioni a cui potrà andare incontro l’Italia. Mi è stato confermato che la messa in mora è ancora in essere, mentre, per la quantificazione, bisognerà aspettare la sentenza. Sta di fatto che la sanzione non sarà leggera e che a pagarla saranno sempre i cittadini italiani per le inefficienze della politica”.

“Sarebbe bello -conclude Ceccardi- sapere cosa ne pensano Giani e il Pd di questa vicenda, ma, al solito, che si tratti di keu o Tirrenica, di fronte ai problemi, si preferisce l’omertà alla trasparenza”.

Nutriscore, Ceccardi: il Pd vota contro in Toscana e a favore in Europa

Nutriscore, Ceccardi: il Pd vota contro in Toscana e a favore in Europa 1024 615 redazione web


Nutriscore, Ceccardi: il Pd vota contro in Toscana e a favore in Europa

E’ inutile che Simona Bonafè e il suo Pd facciano grandi proclami contro il Nutriscore, salvo poi votare differentemente in Toscana e a Strasburgo”. Lo afferma l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi.

“In Consiglio regionale il Partito democratico ha approvato le mozioni presentate da Lega e Fratelli d’Italia, contrarie all’etichettatura a semaforo e a favore di un’alternativa quale la NutrInform Battery. Peccato però -aggiunge Ceccardi- che al Parlamento europeo le cose siano andate diversamente. Il Pd ha infatti votato a favore dell’iniziativa del Parlamento sul ‘Farm to Fork’, dove si auspica ancora un etichetta nutrizionale per premiare con “elementi interpretativi” supposti “alimenti sani” in base a generici dati scientifici.

Una scelta ambigua che lascia purtroppo aperta la strada proprio al Nutriscore. Invece la Lega -conclude Ceccardi- con grande coerenza rimane per la massima trasparenza al consumatore, auspicando uno strumento che lo renda consapevole e non succube dì colori, simboli e giudizi fuorvianti, senza svilire i prodotti di qualità, a cominciare da quelli italiani”.

Inchiesta Keu, Ceccardi: è andata in onda l’omertà del Pd su questo scandalo

Inchiesta Keu, Ceccardi: è andata in onda l’omertà del Pd su questo scandalo 1024 577 redazione web


Inchiesta Keu, Ceccardi: è andata in onda l’omertà del Pd su questo scandalo


“E non è vero, come dice Giani, che emendamento fu votato da tutti”

“Ieri sera è andata in onda, a Non è l’Arena di Massimo Giletti, l’omertà totale e assoluta del Pd toscano sullo scandalo che riguarda lo smaltimento del keu, cioè dei fanghi prodotti dal distretto conciario di Santa Croce sull’Arno. Il sindaco di Santa Croce, Giulia Deidda e il consigliere regionale del Pd, Andrea Pieroni, entrambi indagati, si sono rifugiati in un’imbarazzante silenzio, come pure il presidente Giani, accampando scuse per non rispondere”. Lo afferma l’europarlamentare della Lega, Susanna Ceccardi.
“Però -prosegue l’europarlamentare- ci sono alcuni errori, di carattere politico, in ciò che è stato detto da Giani. La vicenda del keu nasce, si sviluppa e va avanti, anche adesso, del tutto in seno al Pd, che del resto da sempre in questa Regione fa le leggi, decide le nomine nelle partecipate e ha pieno potere. Non è vero infatti che il centrodestra votò il famigerato emendamento presentato in maniera clandestina da Pieroni, Nardini, Mazzeo e Sostegni. E se quello dello smaltimento dei rifiuti industriali è un problema sempre più grave nella nostra Regione, è qualcosa di cui devono rispondere proprio gli amministratori del Pd”.
“L’emendamento, vale la pena ricordarlo, fu introdotto da Giani in aula come un misterioso ‘emendamento tra l’articolo 11 e l’articolo 12’, di cui inizialmente l’allora presidente del Consiglio regionale non voleva nemmeno dare lettura. Sollecitato dalle opposizioni, ne diede allora una lettura velocissima e praticamente incomprensibile.  Il centrodestra non partecipò al voto e nessuno all’epoca, neanche il più smaliziato, avrebbe potuto immaginare la gravità dell’atto che si andava a votare in Aula”
“La Toscana, lo abbiamo detto più volte, anche in campagna elettorale, ha una politica fallimentare sullo smaltimento dei rifiuti industriali. La vicenda dei fanghi delle concerie dimostra che la Toscana, stando a quanto emerso finora nell’inchiesta, ha aperto le porte alle infiltrazioni della ‘Ndrangheta, arrivata a condizionare pesantemente lo smaltimento dei rifiuti nel distretto conciario. Al centrosinistra in questi anni è tornato bene andare avanti a forza di deroghe ed emendamenti”.
“ E’ molto discutibile, infine, l’affermazione di Giani, secondo il quale ‘l’emendamento non ha mai prodotto effetti’, perché se è andata così, è solo perché il Ministero dell’Ambiente, la Corte Costituzionale e la magistratura -conclude Ceccardi- hanno rotto le uova nel paniere proprio al Partito democratico, cassando quell’emendamento”, conclude Ceccardi.
Le dichiarazioni di Nura Musse Ali

Nura Musse Ali deve dimettersi dalla Commissione Pari Opportunità

Nura Musse Ali deve dimettersi dalla Commissione Pari Opportunità 800 888 redazione web

Nura Musse Ali deve dimettersi dalla Commissione

Pari Opportunità della Regione Toscana

Lo chiede l’eurodeputata Susanna Ceccardi che si definisce “scioccata” dall’intervista rilasciata a Il Tirreno dalle 35enne, originaria della Somalia, in cui si schiera a favore del ritorno al potre, in Afghanistan, dei talebani.

“È scandaloso che una donna, una figura con responsabilità politica e istituzionale, si definisca, e cito le sue parole, a favore della presa del potere da parte dei fondamentalisti”.

“Chi ha cuore i diritti delle donne, non può applaudire al ritorno dei talebani in Afghanistan. Durante l’occupazione americana e delle forze occidentali -continua Ceccardi- si saranno fatti degli errori, ma un conto è dire che si poteva, e si doveva fare, di più, un altro è addirittura affermare che con i talebani le donne staranno meglio”.

“Anche i numeri, laddove non bastasse il semplice buon senso, dovrebbero aiutare a capire la differenza. Nel 2003 -osserva Ceccardi- le donne he frequentavano in Afghanistan le scuole superiori erano il 6%, nel 2017 il 39%. Nel 2019 si contavano mille donne imprenditrici, dato basso ma inimmaginabile vent’anni prima. O, ancora, le donne erano arrivate al 22% del totale degli occupati”.

“Chiediamo al Pd tutto di prendere le distanze e alla consigliera di dimettersi perché non ha chiaro cosa voglia dire difendere i diritti delle donne”, conclude Ceccardi.

100 profughi afghani sono stati collocati a Montecatini

Profughi afghani: a Montecatini non rimangano oltre la Quarantena

Profughi afghani: a Montecatini non rimangano oltre la Quarantena 1280 720 redazione web

Profughi afghani, Ceccardi e Baroncini:

a Montecatini Terme non rimangano oltre la quarantena

“Prendiamo atto della decisione di inviare i profughi afghani a Montecatini proprio in piena stagione turistica e senza aver coinvolto il Comune e i rappresentanti del territorio nella decisione. A questo punto chiediamo che il prosieguo dell’accoglienza oltre il periodo della quarantena sia fatto in strutture idonee che non possono essere i nostri hotel sanitari, che sono appunto adatti alla quarantena e non sono centri di accoglienza profughi”. Lo affermano, in una nota, l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi, e il sindaco di Montecatini Terme, Luca Baroncini.

“Al momento -precisa Baroncini- sono arrivati esclusivamente operatori sottoposti a controllo, donne e bambini, per i giorni previsti dalla quarantena. Ricordo che in questo momento si tratta di far trascorrere loro una quarantena negli hotel sanitari, e chiedo che sia davvero una quarantena e non per periodi lunghi. Comprendiamo, come amministrazione e come comunità, il dramma che queste persone stanno vivendo, ma non siamo attrezzati per essere un centro di accoglienza e siamo una città turistica in piena stagione”. “Ci spiace moltissimo -continua il sindaco di Montecatini- aver appreso solamente dagli organi di informazione che, da un momento all’altro, sarebbero arrivati circa 200 profughi. Il presidente Giani avrebbe dovuto coinvolgere il territorio, non soltanto per una questione istituzionale, o di condivisione della scelta, ma anche meramente organizzativa. Un’ultima considerazione -conclude Baroncini- sul fatto che siamo in piena stagione turistica sempre nel massimo rispetto di queste persone. Però forse si sarebbe potuto optare in questo momento per altre destinazioni e, per quanto riguarda Montecatini, in altri periodi dell’anno non di alta stagione come già dimostrato con la nostra disponibilità per gli alberghi sanitari durante il lockdown. Non è una questione di immagine, ma proprio di convivenza tra turisti e profughi. Ho rispetto per gli albergatori che hanno dato la loro disponibilità, ma ritengo che sarebbe stato doveroso un corretto dialogo istituzionale tra Regione e Comune. In questo modo avremmo potuto individuare insieme momenti e modalità più compatibili con le diverse esigenze di tutti”.

“L’atteggiamento di Giani e del Pd -commenta Susanna Ceccardi- è prepotente, perché hanno ignorato il territorio, non lo hanno minimamente coinvolto, imponendo una scelta che, come a Chianciano, guarda caso mette alle strette due Comuni amministrati dal centrodestra. Quando sarà finita la quarantena, questi profughi dovranno essere accolti in maniera organizzata e gestibile altrove. Ci opponiamo all’accoglienza indistinta, anche alla luce, com’era prevedibile, della prime scoperte di jihadisti in Francia”.

Susanna Ceccardi durante il suo mandato come Sindaco di Cascina

Cascina, Sicurezza: dal Sindaco “sceriffo” al Sindaco addormentato

Cascina, Sicurezza: dal Sindaco “sceriffo” al Sindaco addormentato 967 967 redazione web

Sicurezza, Lega: “Cascina, Amministrazione Comunale dal Sindaco

“sceriffo” al Sindaco addormentato

Nel Documento di programmazione presentato dall’amministrazione PD c’è scritto che non giova a nessuno fingere che il Sindaco sia uno sceriffo, è un modello che come ha dimostrato l’ultima amministrazione non porta alcun risultato positivo per i cittadini, la sicurezza si combatte conoscendo a fondo le criticità del territorio.

“Noi, invece, ci chiediamo, visto i diversi casi che si sono verificati sul territorio quanto conosca questa Giunta la nostra città.
Perché quanto oggi Cascina non sia sicura è sotto gli occhi di tutti. I cittadini sono esasperati e hanno perso il conto degli episodi di violenza. La situazione inizia ad essere fuori controllo, con varie aggressioni da parte di Baby gang, venditori abusivi in centro, furti e ora la rapina in pieno centro con una pistola. A tanto ha portato la gestione di Betti, che ha voluto cancellare le nostre iniziative come l’operazione strade sicure o il progetto sentinelle di notte”. Lo affermano, in una nota, in riferimento alla rapina a mano armata avvenuta in viale Comaschi, una delle principali strade del centro, gli esponenti della Lega Susanna Ceccardi, europarlamentare, la deputata Donatella Legnaioli, la consigliera regionale e comunale Elena Meini, e il consigliere comunale Daniele Funel.

“Il PD ha perso tanto fiato e tempo a criticare i nostri progetti di sicurezza, siamo stati derisi per aver allontanto i parcheggitori abusivi che oggi sono “felicemente ” tornati nei nostri parcheggi e nei nostri mercati, così come abbiamo letto paginate della sinistra contro le sentinelle di notte. Presenteremo una interrogazione in consiglio comunale per conoscere cosa intende fare il sindaco sul tema della sicurezza. Ma la sensazione è che per il PD la sicurezza non sia una priorità e che l’importanza siano le fiaccolate, le marce e le panchine arcobaleno”.

La Lega, oltre a sollevare la questione in Consiglio comunale, si rivolge anche al ministro Lamorgese, con una interrogazione parlamentare della deputata Legnaioli Donatella “per chiedere di agire immediatamente. E’ urgente intervenire, e il referente del Viminale su questo deve aiutare i cittadini di Cascina ad uscire da questa situazione totalmente fuori controllo!”