Italia

Ferrovie, Ceccardi (Lega): per colpa delle politiche del Pd, Toscana rischia ruolo Cenerentola a livello italiano

Ferrovie, Ceccardi (Lega): per colpa delle politiche del Pd, Toscana rischia ruolo Cenerentola a livello italiano 1024 576 redazione web


Ferrovie, Ceccardi (Lega): per colpa delle politiche del Pd, Toscana rischia ruolo Cenerentola a livello italiano

“Per colpa delle politiche del Pd, la Toscana rischia seriamente di diventare la Cenerentola dei collegamenti ferroviari in Italia. Oggi ho partecipato all’incontro tra l’amministratore delegato di Ferrovie dello Stato, Luigi Ferraris, e noi parlamentari italiani. Ci sono stati mostrati molti progetti, fondamentali per lo sviluppo del nostro Paese, ma, a un certo punto, guardando la cartina dell’Italia concepita, per i prossimi anni, da Ferrovie, la Toscana viene praticamente saltata. Ci saranno alcuni miglioramenti, peraltro non più rimandabili, come l’elettrificazione di linee che vanno ancora a combustibile, ci sarà il raddoppio di altre ancora a binario unico, ma la Toscana avrebbe bisogno di un serio piano di potenziamento, a cominciare dall’Alta Velocità sulla Costa. E’ sotto gli occhi di tutti che i collegamenti tra un capoluogo toscano e l’altro sono disastrosi”. Lo afferma l’europarlamentare della Lega, Susanna Ceccardi, al termine di un incontro nel quale l’ad di Ferrovie dello Stato, Luigi Ferraris, ha illustrato il piano da 190 miliardi di investimenti nel 2031.

“Secondo quanto mostrato da Ferraris -aggiunge Ceccardi- si passerà dalle attuali 4 ore alle 2 ore per Napoli-Bari. Si passerà da un’ora e mezza su Milano Genova a soltanto un’ora. Persino in Sardegna e in Sicilia sono previsti investimenti sull’alta Velocità. Bene, bene… ma la Toscana???”

“Cinque province, Massa Carrara, Pisa, Lucca, Livorno, Grosseto verranno lasciate indietro.
Per raggiungere Firenze da Massa si impiega 1 ora e 50 minuti, da Grosseto 2 ore e mezza.
Di certo non è colpa di Ferrovie, ma di una classe politica regionale che finora non è riuscita a portare investimenti e sviluppo. Sulla costa toscana si mettono i rigassificatori, uno a Livorno e l’altro previsto a Piombino per servire tutta Italia. Come si fa poi a sostenere che il problema dell’Alta Velocità sulla Costa sarebbe di carattere ambientale? Proprio dove si mettono gli impianti di smaltimento rifiuti, in misura ben maggiore rispetto al resto della Toscana? E quando si chiedono benefici e opere di compensazione si rimane a bocca asciutta”.

“Il Partito democratico in Toscana non può continuare a pensare di voler governare la nostra regione in questo modo”, conclude Ceccardi.

Legittima difesa, Ceccardi (Lega) invita a firmare petizione per grazia a gioielliere condannato in via definitiva

Legittima difesa, Ceccardi (Lega) invita a firmare petizione per grazia a gioielliere condannato in via definitiva 1024 768 redazione web


Legittima difesa, Ceccardi (Lega) invita a firmare petizione per grazia a gioielliere condannato in via definitiva

“L’incredibile vicenda giudiziaria di Guido Gianni non può ritenersi conclusa con la sua ingiusta condanna. Chi ha a cuore il tema della sicurezza, per sé, per i propri cari, firmi la petizione lanciata dalla moglie Maria Angela Di Stefano”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, che ha sottoscritto la petizione su change.org in cui si chiede la grazia al presidente Mattarella per Guido Gianni, il gioielliere di Nicolosi (Catania) che il 18 febbraio 2008 subì una rapina nella propria gioielleria. Gianni è stato condannato a 13 anni, con l’accusa di duplice omicidio, per aver sparato a due rapinatori.
“Ciò che capitò in quella gioielleria, può purtroppo capitare a chiunque. E la posizione mia, della Lega, è sempre stata chiarissima: il sistema giudiziario deve tutelare chi subisce un reato, oltretutto così grave, e non scambiare la vittima per il carnefice. E ci sono casi, come questo, che parlano da soli. Grazie alla legge voluta insistentemente da Matteo Salvini, nel 2019,  i cittadini italiani hanno diritto a vedere riconosciuta la legittima difesa”.

“Il caso di Guido Gianni, che quando entrò nella gioielleria, vide la moglie picchiata dai rapinatori, armati di pistola, non è differente da quello di Graziano Stacchio, Giovanni Petrali, Daniele Ferretti, Fredy Pacini: tutti onesti lavoratori che hanno reagito mentre subivano una rapina, per legittima difesa. Ma, a differenza di loro, a Guido non è stato riconosciuto il diritto alla legittima difesa. In una sentenza come questa, che trasforma in criminale una persona che ha voluto e dovuto semplicemente difendersi, si riassume la cattiva giustizia italiana. Ma non mi voglio arrendere e farò tutto il possibile per sostenere la causa di Guido Gianni”.

Fw:Covid, Ceccardi (Lega): Ue verso estensione di un anno del green pass: follia. Nostro voto contrario

Fw:Covid, Ceccardi (Lega): Ue verso estensione di un anno del green pass: follia. Nostro voto contrario 1024 768 redazione web


Covid, Ceccardi (Lega): Ue verso estensione di un anno del green pass: follia. Nostro voto contrario

“Mentre l’attenzione dell’opinione pubblica intorno al covid si è affievolita, di pari passo con l’andamento della pandemia, l’Unione europea punta a rinnovare, per un anno, il Regolamento attuale sul Certificato Covid Digitale, indicando, sostanzialmente, agli Stati membri di insistere con lo strumento del green pass oltre il prossimo 30 giugno”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega (gruppo ID). “Oggi la maggioranza della Commissione Libe si è espressa in tal senso, mentre il nostro gruppo si è opposto ad una decisione folle che rischia di far rivivere ai cittadini europei tutte le inefficienze e le discriminazioni legate ad uno strumento che è fallito da tanti punti di vista”, aggiunge Ceccardi.

“La proposta di soppressione dell’attuale regolamento, avanzata dalla Lega, è stata respinta. La situazione sanitaria -aggiunge Ceccardi- risulta in netto miglioramento. Non si capisce perché continuare con l’utilizzo del certificato Covid che ha fortemente limitato il diritto alla libera circolazione. Come evidenziato dai nostri emendamenti in sede di Commissione, attualmente diversi stati membri non richiedono alcun certificato ai viaggiatori in arrivo”.

“Tuttavia -conclude Ceccardi- i gruppi di maggioranza hanno deciso di acconsentire all’estensione di un anno. La Lega ribadisce la forte contrarietà al prolungamento di uno strumento che non appare più necessario e proporzionato rispetto all’attuale contesto sanitario”.

Amministrative, Ceccardi (Lega): Pardini la persona giusta per portare Lucca fuori da immobilismo

Amministrative, Ceccardi (Lega): Pardini la persona giusta per portare Lucca fuori da immobilismo 1024 656 redazione web


Amministrative, Ceccardi (Lega): Pardini la persona giusta per portare Lucca fuori da immobilismo

“Sono fiera di sostenere Mario Pardini, una persona per bene, un grande imprenditore, che affronta questa sfida unicamente mosso dall’amore per la sua città”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, oggi a Lucca, assieme a Matteo Salvini, ad un evento elettorale di sostegno alla candidatura di Pardini a sindaco per il centrodestra.
“Mario -ha ricordato Ceccardi- dopo esperienze di successo all’estero è ritornato in Italia per dare un contributo al proprio Paese e in particolare alla propria città natale”
“Di sicuro -ha continuato Ceccardi- i nostri avversari non possono permettersi di dire che Mario Pardini sia una persona impreparata. Se ha fatto così bene nella sua vita professionale e alla guida di Lucca Comics,  chissà che risultati potrà raggiungere come sindaco, con una squadra di centrodestra unita e compatta. Mario ha tutte le capacità per far uscire la città dall’immobilismo di questi anni. E’ vero, è una città bellissima, ma lo è grazie ai lucchesi, che l’hanno resa così, grazie alla loro laboriosità e all’amore per la bellezza. Ma questa bellezza, per tramandarla ai nostri figli, va curata. A Lucca mancano infrastrutture all’altezza di una città e di un territorio che devono esseri connessi col resto della Toscana e dell’Italia. Lucca non può avere delle carenze tali in fatto di ferrovie e di assi viari. Lucca deve tornare al centro della Toscana”. Ceccardi ha quindi rivolto un appello agli elettori di centrodestra di non sottovalutare l’importanza di tornare a votare in caso di ballottaggio: “non possiamo riconsegnare Lucca per cinque anni alla sinistra”.

Referendum, Ceccardi (Lega): due mesi fa francesi al voto senza mascherina, da noi continua terrorismo sanitario

Referendum, Ceccardi (Lega): due mesi fa francesi al voto senza mascherina, da noi continua terrorismo sanitario 1280 720 redazione web


Referendum, Ceccardi (Lega): due mesi fa francesi al voto senza mascherina, da noi continua terrorismo sanitario

“Due mesi fa oltre trenta milioni di francesi sono andati al voto senza l’obbligo di mascherina, ma soltanto, com’è giusto, con un richiamo al buonsenso. E non era ancora arrivata la stagione calda. Naturalmente, quella scelta non ha avuto nessuna ripercussione sulla curva dei contagi in Francia. Cos’abbiamo di differente noi in Italia? Sicuramente un ministro come Speranza che non rinuncia al terrorismo sanitario, anche per scoraggiare gli elettori ad andare alle urne in occasione del referendum. Benissimo ha fatto la Lega a presentare ricorso al Tar, contro l’obbligo di mascherina per andare a votare e per la maturità. E’ veramente incredibile la tortura a cui sono sottoposti ancora i nostri giovani”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega.

Agricoltura, Ceccardi (Lega) a convegno Coldiretti: dobbiamo investire per recuperare la nostra sovranità alimentare

Agricoltura, Ceccardi (Lega) a convegno Coldiretti: dobbiamo investire per recuperare la nostra sovranità alimentare 1080 1080 redazione web


Agricoltura, Ceccardi (Lega) a convegno Coldiretti: dobbiamo investire per recuperare la nostra sovranità alimentare

“Gli effetti della pandemia e della guerra ci hanno fatto capire che dobbiamo recuperare in termini di autosufficienza agroalimentare. Oggi più che mai è necessario investire in un settore fondamentale per la nostra economia e la nostra salute”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, che è intervenuta in collegamento ad un convegno organizzato da Coldiretti Toscana sulle “imprese rosa” in agricoltura.
“Ci stiamo rendendo conto di quanto sia importante il ruolo degli agricoltori e di come non sia scontato che possano assicurare il cibo sulle nostre tavole, che anche durante la pandemia non è mai mancato”, ha aggiunto Ceccardi. “Oggi assistiamo ad una doppia crisi, energetica e alimentare. Il prezzo del grano sta schizzando alle stelle. Tutta l’Europa, e l’Italia in particolare, deve porsi come obiettivo quello della sovranità alimentare. La nostra produzione bovina  -ha ricordato Ceccardi– è scesa da 10 a 5 milioni di capi. Finora  il 64% del fabbisogno interno era legato alle importazioni, come pure il mais (53%), compreso quello che serve per la produzione della carne. Dobbiamo invertire la tendenza, ce lo impone la realtà a cui ci troviamo davanti”. In questo senso, ha continuato Ceccardi, “è interessante la proposta di abbassare ulteriormente l’Iva su prodotti agroalimentari, per attenuare le ricadute dei rincari dell’energia”.
Quanto al piano più propriamente europeo, Ceccardi ha sottolineato le dichiarazioni del Commissario Ue all’agricoltura, Janusz Wojciechowski, sull’opportunità di rivedere la strategia Farm to fork. “Non possiamo pensare -ha aggiunto Ceccardi– che vengano impiegati milioni di euro pubblici per investire nella carne sintetica quando è in crisi la produzione della carne vera per il costo dell’energia o del grano”.
“In Europa si giocano battaglie decisive per il futuro dell’agroalimentare italiano. Come Lega e gruppo ID siamo riusciti a respingere la scellerata proposta di etichettare come ‘cancerogeni’ i nostri vini, ma la strada è ancora lunga. Dobbiamo opporci a chi pensa che il nostro futuro sia fatto di carne sintetica e di insetti nei nostri piatti, quando invece dobbiamo valorizzare i prodotti che fanno bene e che sono patrimonio della nostra tradizione agricola”, ha concluso Ceccardi.

Salute, grande partecipazione per convegno su salute, benessere prevenzione. Ceccardi: “Difendiamo e valorizziamo in Europa l’esperienza italiana”

Salute, grande partecipazione per convegno su salute, benessere prevenzione. Ceccardi: “Difendiamo e valorizziamo in Europa l’esperienza italiana” 960 720 redazione web


Salute, grande partecipazione per convegno su salute, benessere prevenzione. Ceccardi: “Difendiamo e valorizziamo in Europa l’esperienza italiana”

“L’Italia deve difendere, rivendicare e diffondere in Europa i pilastri che ne fanno un esempio in tema di alimentazione, salute e benessere”. Così Susanna Ceccardi, eurodeputata della Lega (gruppo ID), commenta il convegno, da lei promosso, che si è tenuto sabato sera all’Ippodromo di San Rossore, con gli interventi del chirurgo Ugo Boggi, del medico dietologo Ciro Vestita, del consigliere regionale della Lega, ex campione di calcio, Giovanni Galli, del presidente della Casa di Cura di San Rossore, Andrea Madonna, del cardiochirurgo Bruno Murzi e del chirurgo Alessandro Gennai

“Spesso – continua Ceccardi – non ci rendiamo conto nemmeno noi italiani dell’importanza e dell’unicità dei nostri prodotti, del nostro know how sulla sanità, sulla ricerca e sullo sport. E questo è tanto più grave in un momento in cui gli attacchi ci vengono proprio da altri Paesi europei. Basti pensare alla proposta del Nutriscore, l’etichetta nutrizionale a semaforo con cui si vorrebbe classificare quali alimenti fanno bene o male alla salute presi singolarmente, senza cioè inserirli in un contesto nutrizionale più ampio. Seguendo questa logica assurda, all’olio extravergine di oliva sarebbero da preferire le patatine fritte. Dobbiamo invece finalmente iniziare a dare peso al fatto che da oltre 10 anni l’Unesco ha riconosciuto la dieta mediterranea come patrimonio dell’umanità. E lo dobbiamo fare a livello internazionale”.