Ceccardi

Diritto Famiglia, Ceccardi (Lega): bene convegno sabato a Pisa, rabbia delle femministe del tutto fuori luogo

Diritto Famiglia, Ceccardi (Lega): bene convegno sabato a Pisa, rabbia delle femministe del tutto fuori luogo 1000 563 redazione web


Diritto Famiglia, Ceccardi (Lega): bene convegno sabato a Pisa, rabbia delle femministe del tutto fuori luogo

“Il confine tra la critica e la repressione è stato ancora una volta oltrepassato dalle femministe dalle solite sigle. Che pontificano, immaginando di rappresentare, a torto, tutte le donne del mondo”. Così Susanna Ceccardi, eurodeputata della Lega, commenta la levata di scudi di Non Una di Meno e della Casa della Donna contro il convegno previsto sabato alle Officine Garibaldi di Pisa, dal titolo “Relazioni Familiari Bene Comune”.

“Addirittura -continua Ceccardi- le organizzatrici della protesta dicono di aver appreso ‘con rabbia’ la notizia del convegno. E chiedono all’Ordine degli avvocati di non riconoscere gli accrediti validi come formazione ai legali che assisteranno al convegno. E’ proprio il mondo alla rovescia: il fatto che oltre a Regione Toscana e Comune di Pisa, il convegno abbia ricevuto il riconoscimento formale dell’Ordine degli Avvocati dovrebbe far riflettere sulla solidità giuridica e professionale del dibattito, di coloro che vi prendono parte e delle motivazioni che hanno spinto a promuoverlo”

“Motivazioni -aggiunge Ceccardi- che sono molto importanti, e sono comprensibili anche a chi non condivide necessariamente l’impostazione del Ddl Pillon, tirato ossessivamente in ballo dalle stesse femministe. L’intero mondo che ruota intorno alla difficilissima e delicatissima questione della separazione dei genitori, sa benissimo che il principio della bigenitorialità, sancita sulla carta dalla legge del 2006, ha bisogno tuttora di un’applicazione concreta. Rendere la separazione non più difficile, ma più consapevole da parte di una coppia con figli, fare in modo che, come accade ancora oggi in Italia, non sia sempre e solo la donna a svolgere il ruolo di genitore dopo la separazione, ricondurre il tema complessivo alla centralità del nucleo familiare, sono obiettivi nobili e moderni, e che non si possono liquidare con qualche slogan degli anni Settanta.

“Sul Ddl Pillon e sulla questione della bigenitorialità girano tante, tantissime fake news in rete. Un convegno di esperti in materia è quindi indispensabile. Le femministe non saranno mai d’accordo, pensino pure ad organizzare i loro di convegni, ma opporsi ad un evento in quanto tale, chiedere agli avvocati di ritirare i crediti formativi, ricostruire tutta una serie di scenari apocalittici che deriverebbero dalla difesa della bigenitorialità, è segno di una cultura profondamente antidemocratica”.

Peste Suina Africana, interrogazione di Ceccardi (Lega) a Ue: “serve un intervento efficace”

Peste Suina Africana, interrogazione di Ceccardi (Lega) a Ue: “serve un intervento efficace” 457 301 redazione web


Peste Suina Africana, interrogazione di Ceccardi (Lega) a Ue: “serve un intervento efficace”

“La possibilità che la peste suina africana si espanda in maniera significativa in Italia, come in altre parti d’Europa, è ancora, inspiegabilmente, sottovalutata. Eppure, dovrebbero essere sufficienti i contagi già accertati per imporre un serio innalzamento del livello di guardia”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, che ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea. “E’ necessario intervenire con un efficace prelievo dei cinghiali, andando oltre le sole aree dei focolai”, spiega Ceccardi, che chiede alla Commissione di valutare questo tipo di azione. “Oltre agli abbattimenti -continua Ceccardi- servono risorse per la raccolta in sicurezza delle carcasse e per le delimitazioni delle aree contagiate o a rischio contagio”.

“La peste suina minaccia il settore suinicolo italiano, che vale sette miliardi di euro. I danni che deriverebbero dal propagarsi della malattia agli allevamenti di maiale sono incalcolabili. Il virus è resistente al freddo, persino nella carne di un animale lavorato e conservato in cella frigorifera”.

“Ma, al di là del fenomeno della Psa, -aggiunge Ceccardi- esiste un problema complessivo dovuto all’eccessiva presenza di cinghiali sul nostro territorio, che procurano ingenti danni al mondo dell’agricoltura. Serve una sensibile riduzione della loro presenza. Le scene che vediamo quotidianamente per le strade di Roma dimostrano la gravità della situazione”.

“Negli ultimi anni -sottolinea Ceccardi- in molte parti d’Italia è mancata un’adeguata prevenzione e ora i numeri parlano chiaro, con 2,3 milioni di cinghiali sparsi nella nostra Penisola. Spesso -osserva Ceccardi- si è optato per misure di contenimento troppo blande e quella degli ungulati rappresenta una minaccia costante per il tutto il mondo dell’agricoltura”.

“La presenza crescente del cinghiale -conclude Ceccardi- è stata sottovalutata dalla sinistra ambientalista, che ha imposto una linea sostanzialmente contraria a qualunque forma ed entità di abbattimenti. E’ tempo di cambiare rotta. Le nostre eccellenze agroalimentari non possono permettersi in alcun modo che gli effetti della peste suina vadano a sommarsi a quelli di pandemia e guerra”.

 

Sicurezza, Ceccardi (Lega): solidarietà a carabinieri feriti a Porto Santo Stefano

Sicurezza, Ceccardi (Lega): solidarietà a carabinieri feriti a Porto Santo Stefano 1000 563 redazione web


Sicurezza, Ceccardi (Lega): solidarietà a carabinieri feriti a Porto Santo Stefano

“Sempre più spesso le forze dell’ordine devono affrontare scene di follia ormai ordinaria, difficili da gestire e pericolose. Quello che emerge dai video, sui social, e che desta scalpore, ne è soltanto una piccola parte”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, commenta quanto accaduto a Porto Santo Stefano (Grosseto), dove un energumeno completamente nudo, dopo aver seminato il panico nella zona, ha distrutto a mani nude il parabrezza di un’auto dei carabinieri.

“L’episodio -continua Ceccardi- ricorda quanto accaduto, poco tempo fa, a Signa. Nel caso avvenuto a Porto Santo Stefano, ci sono voluti ben quattro carabinieri due dei quali hanno riportato ferite, per fermare l’uomo. Ai coraggiosi servitori dello Stato -continua Ceccardi- esprimo tutto il mio sostegno e solidarietà. Dovremmo essere tutti grati alle nostre forze dell’ordine, ma non è così, specialmente in Toscana dove una lunga tradizione di sinistra ha sempre demonizzato il lavoro di chi, con sacrificio e impegno, mette a rischio la propria incolumità per la sicurezza dei cittadini”.

Ceccardi (Lega): “Vicina a Israele, un attacco nel giorno dell’Indipendenza”

Ceccardi (Lega): “Vicina a Israele, un attacco nel giorno dell’Indipendenza” 1280 701 redazione web


Ceccardi (Lega): “Vicina a Israele, un attacco nel giorno dell’Indipendenza”

Proprio mentre i cittadini di Israele festeggiavano il giorno dell’Indipendenza, tre persone sono state assassinate e quattro altre ferite, in un attacco terroristico nella città di Elad”, dichiara Susanna Ceccardi, eurodeputata della Lega. “Ci stringiamo attorno alle famiglie delle vittime e preghiamo per i feriti. Sono stati colpiti a tradimento da due uomini, uno armato di pistola e l’altro di accetta, ultimo in ordine di tempo di una serie di attacchi che hanno già provocato 14 morti”. Per Ceccardi: “Israele celebra oggi il 74mo anniversario della sua fondazione, ma questo atto di terrorismo dimostra ancora una volta che sta ancora lottando per la sua stessa sopravvivenza. Siamo con Israele, senza se e senza ma, unica democrazia nel Medio Oriente. E siamo convinti che vincerà la sua lotta contro il terrorismo, un nemico che ha battuto tante volte in passato”

Polonia e Ungheria, Ceccardi (Lega): nel mirino della Commissione Ue solo perché hanno governi di centrodestra

Polonia e Ungheria, Ceccardi (Lega): nel mirino della Commissione Ue solo perché hanno governi di centrodestra 500 326 redazione web


Polonia e Ungheria, Ceccardi (Lega): nel mirino della Commissione Ue solo perché hanno governi di centrodestra

Contro i governi di Polonia e Ungheria è in atto “un accanimento” da parte della Commissione europea, che sta utilizzando “i mezzi più subdoli semplicemente perché queste nazioni hanno governi di centrodestra”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega (gruppo ID), intervenuta nel corso della discussione in seduta plenaria, in merito alla procedura avviata dalla Commissione Ue nei confronti dei due Paesi accusati di violazione dello Stato di Diritto.

“L’annuncio dell’avvio della procedura -osserva Ceccardi- è arrivato giusto giusto a ridosso della vittoria di Viktor Orban alle recenti elezioni, incredibilmente e vergognosamente. Cos’è se non una punizione e un avvertimento contro quegli elettori che hanno votato contro il volere della sinistra europea?” Eppure, continua l’europarlamentare, “Papa Francesco ha benedetto l’Ungheria e ha regalato un medaglione di bronzo raffigurante San Martino, il protettore dei poveri, a Viktor Orban, al termine di un bellissimo incontro, carico di significato: un vero smacco alla sinistra europea”.

“La Polonia -ricorda Ceccardi- ha accolto 3 milioni di profughi e l’Ungheria mezzo milione. Per questo l’Europa dovrebbe mostrare la propria solidarietà e non minacciare inutili sanzioni”.

“Onestamente -prosegue- fa poi ridere che parlamentari di certi Paesi, dove i giudici rispondono quasi totalmente alla sinistra, si permettano di giudicare la Polonia o l’Ungheria. Stesso discorso per i media: certamente in Ungheria e in Polonia sono più i media pro governativi che quelli anti-governativi, ma è forse diverso in Italia o in Francia? Assolutamente no!”.

“Se esiste un tratto distintivo della nostra civiltà europea, che ha consentito l’affermazione dei diritti umani, la prosperità e uno sviluppo che nei secoli non ha avuto pari è grazie al pluralismo”, conclude Ceccardi.

Toscana Aeroporti, Ceccardi (Lega): parole di Naldi su società handling smentiscono Giani

Toscana Aeroporti, Ceccardi (Lega): parole di Naldi su società handling smentiscono Giani 1195 386 redazione web


Toscana Aeroporti, Ceccardi (Lega): parole di Naldi su società handling smentiscono Giani

“La volontà di Toscana Aeroporti di cedere Toscana Aeroporti Handling, che conta circa 450 lavoratori tra gli scali di Firenze e Pisa, resta in piedi, ed è da tenere distinta dalla vicenda della distribuzione dei dividendi tra i soci. La conferma arriva dalle parole dell’amministratore delegato, Roberto Naldi, nell’intervista odierna a La Nazione, parole che suonano come una smentita nei confronti del presidente Giani”. Lo afferma Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega. “Naldi ricorda con franchezza che Toscana Aeroporti non ha mai nascosto nemmeno alle parti sociali l’intenzione di cedere le società di handling, e ribadisce di voler concentrare le risorse della società nel core business, cioè sullo sviluppo degli scali e del traffico aereo.
Quindi  -aggiunge Ceccardi- l’argomento utilizzato da Giani in questi giorni, e cioè che i 10 milioni dei ristori siano serviti anche per dissuadere ogni progetto di esternalizzazione dei servizi di handling, è privo di fondamento. Del resto tutti sanno che se finora quell’operazione non è andata in porto, è per semplici ragioni di mercato”, conclude l’europarlamentare.

Base dei carabinieri, Ceccardi (Lega): “occasione per il territorio e per la nostra sicurezza”

Base dei carabinieri, Ceccardi (Lega): “occasione per il territorio e per la nostra sicurezza” 1080 719 redazione web


Base dei carabinieri, Ceccardi (Lega): “occasione per il territorio e per la nostra sicurezza”

“L’ipotesi di un nuovo insediamento dei Carabinieri nell’area pisana è una ottima notizia per il territorio. Il progetto, assolutamente in linea con i nuovi modelli di edilizia ecosostenibile, è un’occasione da non perdere per riqualificare le aree abbandonate della città”. Lo afferma l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi.

“Capisco le riserve del sindaco Conti, che, appena uscita la notizia, ha voluto chiarimenti più approfonditi dal governo e soprattutto un coinvolgimento del Comune per lo sviluppo del progetto. Questa richiesta è più che legittima. Invece non sono assolutamente giustificabili i no aprioristici della sinistra ideologica, contraria solo perché si tratta di un insediamento militare. Dove erano le associazioni della sinistra ambientalista -chiede Ceccardi- quando c’era da dire no al progetto ‘Città Sottili’, un campo rom a cielo aperto che ha prodotto negli anni un inquinamento spaventoso all’interno del parco di San Rossore, insieme alle note vicende criminali di induzione al matrimonio di minorenni, furti e ricettazione?”

“Riqualificare l’area dell’ex Centro radar di Coltano inoltre può essere un’occasione utile per trovare finalmente una destinazione d’uso a quel sito. L’alternativa, fino a pochi mesi fa, era un centro di identificazione ed espulsione per immigrati. Ipotesi che non sarebbe del tutto esclusa, nel caso in cui i carabinieri non si insediassero proprio lì”, aggiunge Ceccardi.

“Con l’arma dei Carabinieri, cittadini e istituzioni hanno sempre avuto un rapporto proficuo e la presenza rafforzata di militari e delle loro famiglie sul nostro territorio è una vera e propria opportunità da cogliere. Mi auguro -prosegue l’eurodeputata- che il Ministero, la Regione ed il Comune trovino al più presto la sintesi progettuale perché a questo punto l’opera deve farsi il più presto possibile”Ceccardi rivolge “un ringraziamento all’arma dei Carabinieri che con grande senso delle istituzioni ha subito dimostrato la disponibilità al dialogo e a trovare per il territorio la soluzione migliore e meno impattante. Sono grata a a tutte le forze armate che -conclude Ceccardi- con coraggio e dedizione operano per la sicurezza Nazionale”.

Russia, interrogazione di Ceccardi (Lega): se Iran aiuta ad aggirare sanzioni, Ue non sia spettatore passivo.

Russia, interrogazione di Ceccardi (Lega): se Iran aiuta ad aggirare sanzioni, Ue non sia spettatore passivo. 678 381 redazione web


Russia, interrogazione di Ceccardi (Lega): se Iran aiuta ad aggirare sanzioni, Ue non sia spettatore passivo.

“Solo un quinto degli Stati del mondo ha aderito alle sanzioni contro la Russia, e vi sono Paesi, come l’Iran, che sembrano in grado di aiutarla ad aggirarle”. Lo afferma l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi (ID) che ha presentato un’interrogazione alla Commissione europea per sapere quali misure siano state prese per evitare che, da questo punto di vista, gli sforzi europei siano vanificati, e come si intenda punire il comportamento di Paesi che rischiano di compromettere l’affidabilità del sistema finanziario internazionale.
“Le sanzioni -continua Ceccardi- possono essere efficaci solo se imposte coralmente da gran parte delle nazioni del mondo. Cosa che non sta accadendo, al punto che i prodotti russi, pur colpiti, talvolta cambiano semplicemente acquirente. Il greggio, ad esempio, viene oggi almeno parzialmente dirottato verso la Cina. A questo si aggiungono i veri e propri aiuti, che arriverebbero, secondo quanto ricostruito da inchieste della stampa internazionale più autorevole, dall’Iran attraverso operazioni illegali con società di comodo”.
“L’Iran -sottolinea Ceccardi- in questi decenni ha sviluppato una notevole capacità di sovvenzionare il terrorismo attraverso i suoi proxy e di riciclare miliardi di dollari tramite operazioni illegali con società di comodo. E’ un sistema che lo ha aiutato a resistere alle sanzioni promosse dagli Stati Uniti allo scopo di convincere l’Iran a rientrare nell’accordo sul nucleare. Del resto, il ministro degli Sergei Lavrov ha confermato che Mosca lavorerà con Teheran in stretta cooperazione, anche su come eludere le restrizioni”.
“Già a inizio di quest’anno il presidente iraniano Ebrahim Raisi aveva salutato la prima visita ufficiale a Mosca come un punto di svolta nelle relazioni con la Russia. Se adesso Teheran riuscirà a far valere la propria esperienza nell’aggirare le sanzioni, ne sarà rafforzata l’intesa Iran-Russia. L’Unione europea non può rimanere spettatore passivo di un cambio di scenario geopolitico preoccupante per tutto l’Occidente”.

Rifiuti, Ceccardi e Casucci (Lega): azione magistratura porti a una svolta su Podere Rota

Rifiuti, Ceccardi e Casucci (Lega): azione magistratura porti a una svolta su Podere Rota 1320 742 redazione web


Rifiuti, Ceccardi e Casucci (Lega): azione magistratura porti a una svolta su Podere Rota

Speriamo che l’azione della magistratura serva a dare una svolta alla vicenda della discarica di Podere Rota, che si trascina ormai da decenni. La posizione della Lega è sempre stata chiara e netta a riguardo: la discarica deve essere chiusa, e il Valdarno non può continuare ad essere il terminale dei rifiuti che arrivano, non solo dalla provincia di Arezzo, ma anche dall’area metropolitana fiorentina. Appare chiaro, più in generale, che come già emerso con l’inchiesta keu, vi sia un problema gigantesco di governance del settore, ovviamente targata Pd, in Toscana. Il piano dei rifiuti è un libro dei sogni che di volta in volta viene aggiornato con obiettivi sempre più mirabolanti e che non vengono attuati”. Lo affermano l’eurodeputata della Lega, Susanna Ceccardi e il vicepresidente del Consiglio regionale, Marco Casucci.

“La sinistra, accecata dall’ideologia, continua nella sua guerra al progresso tecnologico, non vuole sentire nemmeno parlare di termovalorizzatori di ultima generazione, e insiste nel portare le discariche al collasso e i nostri territori al disastro. Manca una coerente visione di insieme, anche all’interno dello stesso Pd, dove, come appunto nel caso di Podere Rota, gli interessi di un’amministrazione comunale si sono scontrati con quelli dell’amministrazione confinante”, aggiungono Ceccardi e Casucci.

Vinitaly, Ceccardi (Lega): “ripresa incoraggiante per il settore, ma dobbiamo fare di più per i nostri produttori”

Vinitaly, Ceccardi (Lega): “ripresa incoraggiante per il settore, ma dobbiamo fare di più per i nostri produttori” 1600 1200 redazione web


Vinitaly, Ceccardi (Lega): “ripresa incoraggiante per il settore, ma dobbiamo fare di più per i nostri produttori”

“ Il Vinitaly regale sempre una grande emozione. Per i produttori è fondamentale questo momento di confronto, non solo tra di loro, ma anche col pubblico. Le degustazioni dal vivo rappresentano un momento appagante, dopo un anno di intenso lavoro”. Così Susanna Ceccardi, eurodeputata della Lega, che oggi ha visitato gli stand di Vinitaly, in corso a Verona.

Il quadro complessivo che emerge per i vini italiani è entusiasmante”, aggiunge Ceccardi, “anche se, in Italia, come in Europa, dovremo fare il possibile per sostenere i produttori. Le insidie sono ben note: gli effetti della guerra in Ucraina, non tanto in termini immediati di export, quanto dei costi di produzioni, legati ai rincari dell’energia e delle materie prime; e poi non possiamo abbassare la guardia contro le proposte comunitarie che mirano spesso a colpire le eccellenze del Made in Italy. Abbiamo scampato il pericolo delle etichette con la dicitura ‘cancerogeno’, ma il Nutriscore è sempre in agguato”.

Uno sguardo, poi, sulla Toscana: “lo stand è letteralmente preso d’assalto -sottolinea Ceccardi- a dimostrazione di come le aziende toscane, i consorzi, siano un punto di riferimento per il settore vitivinicolo nel mondo. E’ un successo dovuto al grande impegno di chi investe in questo settore, e che si fonda sulla ricerca di una qualità sempre più elevata. Parlando con vari, importanti, produttori, è emerso però che, se de una parte si registra il crescente interesse del mercato americano, dall’altra, la Toscana, come regione, ha un gap infrastrutturale che la penalizza rispetto a molte altre zone d’Italia e del mondo. E’ impensabile che, ancora nel 2022, ci voglia più tempo per andare dalla Maremma a Firenze, che non da Firenze, con l’Alta Velocità, a Verona”.

Insomma -conclude Ceccardi- la ripresa è certamente incoraggiante, ma ad ogni livello istituzionale si può e si deve fare di più per accompagnare e mantenere questo trend così fondamentale per la nostra economia e il nostro benessere”.