Ceccardi

MINACCE ANARCHICHE, CECCARDI: SOLIDARIETÀ AL DIRETTORE TANCREDI E AL PROCURATORE SALUZZO, LO STATO NON ARRETRA DI FRONTE AI TERRORISTI

MINACCE ANARCHICHE, CECCARDI: SOLIDARIETÀ AL DIRETTORE TANCREDI E AL PROCURATORE SALUZZO, LO STATO NON ARRETRA DI FRONTE AI TERRORISTI 1200 900 redazione web

SANZIONI IRAN, CECCARDI: SOLIDARIETA’ A CINZIA BONFRISCO, NON CI PIEGHEREMO MAI A CHI VUOLE DISTRUGGERE ISRAELE

“Esprimo la mia solidarietà al Direttore Luciano Tancredi per le minacce ricevute oggi con una lettera anonima contenente un proiettile.

Le minacce degli anarchici sono state indirizzate al direttore del Tirreno e al procuratore generale Francesco Saluzzo che si aggiungono alle violenze di Roma e Trento sono gravissime, ma le istituzioni non devono farsi intimidire.

La libertà di stampa e’ un baluardo dei Paesi civili e democratici, che va difesa e sostenuta con forza, sempre. La mia solidarietà al Direttore e a tutta la redazione del Tirreno che lavora ogni giorno per la nostra informazione. Spero che questi terroristi anarchici siano individuati quanto prima e assicurati alla giustizia “.

SANZIONI IRAN, CECCARDI: SOLIDARIETA’ A CINZIA BONFRISCO, NON CI PIEGHEREMO MAI A CHI VUOLE DISTRUGGERE ISRAELE

SANZIONI IRAN, CECCARDI: SOLIDARIETA’ A CINZIA BONFRISCO, NON CI PIEGHEREMO MAI A CHI VUOLE DISTRUGGERE ISRAELE 1474 1179 redazione web

SANZIONI IRAN, CECCARDI: SOLIDARIETA’ A CINZIA BONFRISCO, NON CI PIEGHEREMO MAI A CHI VUOLE DISTRUGGERE ISRAELE

“Sono vicina a Cinzia Bonfrisco per le sanzioni comminate dall’Iran nei suoi confronti.

La reazione di Teheran di fronte alle dichiarazioni di un europarlamentare che chiede giustizia e libertà per chi si oppone al regime sanguinario oggi al potere, è la dimostrazione che siamo nel giusto.

La presenza di Cinzia Bonfrisco in quella che l’Iran definisce come una black list ma che per noi è un elenco di persone che si oppongono al regime del terrore, è un motivo di vanto e di orgoglio per tutta la Lega, da sempre dalla parte della libertà dell’individuo e del libero pensiero.

Non dobbiamo arretrare di un solo centimetro, questa reazione di Teheran è una medaglia: è lo stesso regime che al pari della dittatura nazista brama l’annientamento del popolo d’Israele”.

ACCORDI ALGERIA-ITALIA, CECCARDI: GALSI STRATEGICO, L’UE RIFINANZI L’OPERA AFFOSSATA DAL PD TOSCANO

ACCORDI ALGERIA-ITALIA, CECCARDI: GALSI STRATEGICO, L’UE RIFINANZI L’OPERA AFFOSSATA DAL PD TOSCANO 1200 1699 redazione web

ACCORDI ALGERIA-ITALIA, CECCARDI: GALSI STRATEGICO, L’UE RIFINANZI L’OPERA AFFOSSATA DAL PD TOSCANO

“Gli accordi del premier Meloni riesumano finalmente il progetto GALSI, affossato a suo tempo dall’ostruzionismo del PD toscano.

Una ottima notizia per la Toscana e per l’Italia: il Mediterraneo ritorna finalmente al centro dell’agenda geopolitica energetica del Paese e dell’Europa.

L’inerzia ostativa del Partito Democratico toscano ha compromesso, nel 2014, la realizzazione di questa pipeline fondamentale: ora la situazione è cambiata, e ho già presentato una nuova interrogazione per chiedere all’UE di rifinanziare l’opera”

Sono queste le parole dell’europarlamentare Susanna Ceccardi nel commentare la notizia dell’accordo tra Algeria e Italia per lo studio e la realizzazione del gasdotto GALSI, che non trasporterà solo gas, ma anche idrogeno verde ed elettricità.

“Nel luglio del 2022 avevo interrogato la Commissione per chiedere quale fosse lo status sulla realizzazione del GALSI, un progetto che mirava alla realizzazione di una pipeline destinato all’importazione di gas naturale dall’Algeria all’Italia attraverso la Sardegna per poi arrivare alla Toscana: 8 miliardi di m 3 /anno di gas lungo 830 km circa.

Un progetto strategico per l’autonomia energetica del Paese, tanto da essere inserito nel piano europeo di ripresa economica (EERP) del 2010 e ricevere un finanziamento europeo di 120 milioni di euro.

Soldi andati perduti però: nella risposta a quella interrogazione, la Commissione mise nero su bianco che nonostante il sostegno finanziario, il progetto non aveva compiuto i progressi necessari, la sovvenzione revocata e i fondi tornati al bilancio dell’UE.

La colpa? La Regione Toscana aveva rallentato la realizzazione dell’opera al punto che poi l’opera venne definitivamente abbandonata.

Un errore strategico imperdonabile: se oggi a Piombino parliamo di rigassificatore di GNL, è anche per queste responsabilità.

Ora però il quadro è completamente cambiato: la realizzazione di quest’opera può consentire al Paese di diversificare il proprio approvvigionamento energetico e, nel medio-lungo periodo, consentire di abbandonare i rigassificatori di GNL.

Ho già presentato una nuova interrogazione alla Commissione Europea: la Toscana e l’Italia hanno già perso troppo tempo” – conclude Ceccardi.

CONDANNA TRIBUNALE SPAGNOLO OMICIDA CIATTI: CECCARDI (LEGA), POCHI 15 ANNI PER CHI HA AMMAZZATO. ORA SI CERCHI IL LATITANTE

CONDANNA TRIBUNALE SPAGNOLO OMICIDA CIATTI: CECCARDI (LEGA), POCHI 15 ANNI PER CHI HA AMMAZZATO. ORA SI CERCHI IL LATITANTE 593 443 redazione web


CONDANNA TRIBUNALE SPAGNOLO OMICIDA CIATTI:
CECCARDI (LEGA), POCHI 15 ANNI PER CHI HA AMMAZZATO. ORA SI CERCHI IL LATITANTE 

Quindici anni sono veramente pochi per chi strappa la vita, per futili motivi, ad un giovane di 21 anni. La condanna del tribunale spagnolo per la morte di Niccolò Ciatti rappresenta però, almeno, il primo importante punto di una vicenda giudiziaria dolorosa e fin troppo lunga. Sperando che presto anche la giustizia italiana faccia il suo corso, come avrebbe già dovuto fare. Da madre, è inimmaginabile per me che cosa abbia significato, per la famiglia Ciatti, affrontare questo crescendo di dolore, umano e giudiziario”.

Così l’europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi commenta la conferma della condanna in primo grado a 15 anni, da parte dei giudici del Tribunal superior de justicia de Cataluña, di Rassoul Bissoultanov, il 30enne ceceno accusato di aver ucciso con un calcio alla testa il giovane fiorentino Niccolò Ciatti nell’estate del 2017 sulla pista di un locale di Lloret de Mar. L’imputato, condannato in primo grado dal Tribunale di Girona per omicidio volontario, è latitante dallo scorso luglio. l’Onorevole Ceccardi, da sempre vicina alla famiglia di Niccolò, nel marzo del 2021 aveva presentato un’interrogazione alla Commissione Europea in cui chiedeva l’impegno per garantire l’estradizione in Italia del responsabile della sua morte.

“Prima la morte di un figlio, ammazzato con ferocia a calci in testa, per futili motivi, in una discoteca, mentre trascorreva le vacanze con gli amici, poi il non ricevere giustizia, per così tanti anni e, oggi, dover comunque sopportare la latitanza dell’omicida che, per errori giudiziari, è fuori dal carcere. Tutto questo è atroce e può essere solo in parte mitigato da questa prima condanna. Bissoultanov meritava molti più anni per aver deliberatamente ammazzato un ragazzo innocente e senza difese. L’importante adesso è porre termine alla sua latitanza, perché la famiglia abbia almeno un po’ di giustizia, e che sconti interamente gli anni a cui è stato condannato dal tribunale spagnolo – ha concluso Ceccardi – in attesa del processo in Italia che deciderà la pena da comminargli”.

INAUGURATO CENTRO POLIFUNZIONALE MISERICORDIA DI CASCINA: CECCARDI (LEGA), SODDISFAZIONE DA CITTADINA. SALUTE DEVE ESSERE PRIORITÁ

INAUGURATO CENTRO POLIFUNZIONALE MISERICORDIA DI CASCINA: CECCARDI (LEGA), SODDISFAZIONE DA CITTADINA. SALUTE DEVE ESSERE PRIORITÁ 728 588 redazione web


INAUGURATO CENTRO POLIFUNZIONALE MISERICORDIA DI CASCINA: CECCARDI (LEGA), SODDISFAZIONE DA CITTADINA. SALUTE DEVE ESSERE PRIORITÁ

Cascina, 26 nov. 2022 – “Oggi ho finalmente partecipato alla festa di inaugurazione di questo magnifico centro polifunzionale a disposizione di tutte le famiglie cascinesi, in un momento in cui la salute deve essere messa al centro. Una grande soddisfazione, da europarlamentare, ma soprattutto da cittadina cascinese”. Così l’europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi, partecipando oggi all’inaugurazione del Centro Polifunzionale per le Famiglie della Misericordia di Cascina. “Nel 2016, quando diventai sindaco, il governatore della Misericordia Emilio Paganelli fu una delle prime persone che incontrai nel mio ufficio. Mi parlò di un progetto importante per Cascina, che era purtroppo fermo da più di 10 anni. Ci mettemmo subito al lavoro con la giunta e i dipendenti comunali per dare slancio a quel progetto importantissimo per tutta la nostra comunità. Nel giugno 2019, finalmente da Sindaco, partecipai alla posa della prima pietra. Tanto lavoro, tanto impegno, ma finalmente il progetto stava per vedere la luce. E oggi è una realtà”.

CECCARDI (ID-LEGA): NO ALLA CARNE SINTETICA. PIENO SOSTEGNO ALLA PETIZIONE DI COLDIRETTI

CECCARDI (ID-LEGA): NO ALLA CARNE SINTETICA. PIENO SOSTEGNO ALLA PETIZIONE DI COLDIRETTI 1081 720 redazione web


CECCARDI (ID-LEGA): NO ALLA CARNE SINTETICA. PIENO SOSTEGNO ALLA PETIZIONE DI COLDIRETTI

Firenze, 19 novembre 2022 – “Sono stata nella sede di Coldiretti Firenze per firmare una proposta importante: l’iniziativa contro il cibo sintetico a favore del cibo naturale. Quello della nostra terra, dei nostri produttori, agricoltori e allevatori. La Commissione europea potrebbe infatti dire sì alle proposte delle aziende americane che chiederanno le autorizzazioni alla produzione a gennaio 2023. Non è questo quello che vogliamo per i nostri figli, sulle nostre tavole”. Così Susanna Ceccardi, europarlamentare del gruppo Id-Lega.

La Food and drug administration (Fda) ha infatti approvato per la prima volta un prodotto a base di carne “coltivata” a seguito di una richiesta da parte dell’azienda Upside Foods, fondata nel 2015 a Berkeley, in California, prima azienda al mondo che produce carne in provetta, in particolare “pollame” e “frutti di mare” sintetici.

“Noi vogliamo i nostri prodotti – prosegue Ceccardi – i nostri ortaggi, il nostro olio d’oliva. Queste colture devono essere assolutamente finanziate e incentivate. Non il cibo sintetico. Quello lasciamolo ai film di fantascienza e all’elucubrazione della Commissione europea che speriamo ritiri presto questo intendimento e questa proposta”.

Nel novembre 2021, Upside Foods ha inaugurato un impianto di produzione su larga scala a Emeryville, in California.

“Una cosa inaccettabile – sottolinea l’europarlamentare – che combatteremo con ogni nostra risorsa a disposizione. I prodotti locali e nostrani devono essere tutelati senza se e senza ma. Pensate che Upside Foods è riuscita a raccogliere fondi per un totale di 608 milioni di dollari, con finanziamenti che provengono tra gli altri dalla Abu Dhabi Growth Fund, Bill Gates, Richard Branson, Kimbal e Christiana Musk, fratello e cognata del magnate Elon.

La carne da laboratorio non salva gli animali, perché viene fabbricata sfruttando i feti delle mucche, non salva l’ambiente, perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti tradizionali, non aiuta la salute, perché non c’è garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare, non è accessibile a tutti poiché per farla serve un bioreattore; non è neppure carne ma un prodotto sintetico e ingegnerizzato”. Infine secondo l’onorevole Ceccardi “questi prodotti artificiali, dannosi anche per l’ecosistema, sono una follia da combattere. A Bruxelles saremo in prima linea per contrastare questa deriva”.

Ceccardi, Toscana strategica per il Mit, 4 degli 11 interventi nello sblocca-lavori. Grazie al ministro Salvini

Ceccardi, Toscana strategica per il Mit, 4 degli 11 interventi nello sblocca-lavori. Grazie al ministro Salvini 660 371 redazione web


Ceccardi, Toscana strategica per il Mit, 4 degli 11 interventi nello sblocca-lavori. Grazie al ministro Salvini

“Grazie al ministro Salvini per la velocità con cui è intervenuto sulla norma sblocca-lavori. Senza il suo intervento, ci sarebbe stato il rischio concreto di vedere bloccati cantieri strategici per la ripartenza del Paese. Se questo non avverrà, è solo grazie alla concretezza del ministero delle Infrastrutture”. Così l’europarlamentare Susanna Ceccardi della Lega, commenta il via libera ufficiale alla norma sblocca-lavori, voluta dal Mit guidato da Matteo Salvini e approvato dall’ultimo Consiglio dei Ministri. Per la Toscana si tratta di un importante passo in avanti. “Parliamo di snodi come la riqualificazione dei tratti tra Barberino e Calenzano, tra Firenze e Pistoia dell’A11 e di Incisa Valdarno – ha aggiunto Ceccardi – la Toscana purtroppo lamenta da moltissimi anni pesanti ritardi infrastrutturali, colpevole anche il governo regionale che non è mai riuscito a dare il giusto impulso perché le opere si realizzassero. Questo dà ancora più valore all’intervento del ministro Salvini, che ancora ringrazio per il lavoro che sta portando avanti per la nostra Toscana”.

CECCARDI (ID-LEGA): “LA BOLDRINI VUOLE SCHEDARE I POLIZIOTTI. INACCETTABILE”

CECCARDI (ID-LEGA): “LA BOLDRINI VUOLE SCHEDARE I POLIZIOTTI. INACCETTABILE” 1536 2048 redazione web


CECCARDI (ID-LEGA): “LA BOLDRINI VUOLE SCHEDARE I POLIZIOTTI. INACCETTABILE”

“Non smettiamo di meravigliarci delle dichiarazioni di Laura Boldrini, che vuole ‘schedare’ i poliziotti introducendo l’identificazione degli agenti attraverso dei codici alfanumerici. Con tutti i problemi che ha il Paese in questo momento lei pensa a mettersi contro le divise. Una proposta assurda, che dimostra la totale incapacità della gente di sinistra di stare dalla parte di chi tutela la legalità”. Sono queste le parole dell’eurodeputata del gruppo Id-Lega, Susanna Ceccardi.

La Boldrini ha infatti annunciato di aver “presentato oggi la proposta di legge che introduce disposizioni, in linea con gli standard internazionali, che prevedono l’utilizzo di codici alfanumerici identificativi da apporre in maniera ben visibile sul casco e sulle uniformi degli operatori delle Forze di polizia impegnati in attività di ordine pubblico, al fine di consentirne l’immediata identificazione”. Per Ceccardi: “La proposta dell’esponente politico del Pd mette a rischio l’incolumità dei poliziotti e delle loro famiglie. In più occasioni – tiene a dire – gli antagonisti hanno schedato gli agenti diffondendo i loro nomi nel dark web. Con i codici alfanumerici questa pratica diventerà ancora più facile e sarà possibile per chi infrange la legge non solo identificare le divise, ma anche eventualmente farle diventare bersaglio di azioni congiunte da parte di gruppi ultras o criminali”. L’europarlamentare ricorda che “anche i sindacati di polizia, tra cui il Sap con il suo segretario generale Stefano Paoloni hanno condannato la misura proposta dalla Boldrini, spiegando come una soluzione sarebbe semmai quella di mettere bodycam sulle divise dei poliziotti. L’agente non deve essere visto come una minaccia, ma come qualcuno che garantisce legalità e sicurezza ai cittadini e, in quanto tale, deve essere tutelato nella sua privacy e incolumità. Per questo – conclude – ci opporremo fermamente a questo disegno di legge utile solo a fomentare comportamenti criminali”.

AEROPORTO DI PISA, AUTOSTRADA TIRRENICA, AV PISA-ROMA: CECCARDI, TRE PROPOSTE CONCRETE PER RENDERE CENTRALE LA COSTA TOSCANA

AEROPORTO DI PISA, AUTOSTRADA TIRRENICA, AV PISA-ROMA: CECCARDI, TRE PROPOSTE CONCRETE PER RENDERE CENTRALE LA COSTA TOSCANA 1536 2048 redazione web


AEROPORTO DI PISA, AUTOSTRADA TIRRENICA, AV PISA-ROMA:
CECCARDI, TRE PROPOSTE CONCRETE PER RENDERE CENTRALE LA COSTA TOSCANA

L’europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi è la prima firmataria di tre emendamenti dedicati ad infrastrutture strategiche per il Paese

Pisa, 11 novembre 2022 – “Rendere centrale l’aeroporto di Pisa è fondamentale. Così come includere nella rete centrale il collegamento dei nodi urbani di Genova, di Pisa e di Firenze, attraverso una linea ferroviaria ad alta velocità, oggi assente, e che limita i collegamenti ferroviari tra Pisa e la Capitale; non ultimo, il completamento del tratto stradale tra Rosignano e Civitavecchia. Perché autostrada tirrenica, aeroporto di Pisa e alta velocità sono tre elementi interconnessi, della massima importanza e urgenza per la nostra regione e per il resto d’Italia. Un impegno che ho sottoscritto con tre proposte per rendere più moderna la costa toscana e che intendo sostenere con forza a Bruxelles”.

Così l’onorevole Susanna Ceccardi, eurodeputata della Lega, illustra i tre emendamenti a sua firma, depositati nelle scorse ore, alla proposta di revisione del regolamento sugli orientamenti dell’UE per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T).

“L’Europa già oggi riconosce l’importanza dell’aeroporto Galileo Galilei di Pisa come scalo globale. Ma con la mia proposta, voglio evidenziare come lo scalo abbia la possibilità e potenzialità per diventare come quello di Bologna, ovvero di prima fascia. L’Ente Nazionale dell’Aviazione, oggi, Piano Nazionale degli Aeroporti (PNA) esclude lo scalo pisano dalla lista di quei 14 strategici a livello nazionale, lasciando solo a Firenze questa importanza. Una formulazione incomprensibile, sia perché la stessa Europa riconosce la valenza dell’aeroporto Galilei, sia perché i numeri dei passeggeri parlano chiaro: nel 2019, attraverso Pisa, transitavano 5,3 milioni di passeggeri contro i 2,8 di Firenze. Un dato emblematico che sconfessa la tesi della stessa Enac, secondo la quale lo scalo pisano non ha potenzialità di crescita a causa della vicinanza con l’aeroporto militare. Lo scalo militare però, non è mai stato un limite, tanto che la capienza potenziale dei voli quotidiani è molto più alta rispetto a Firenze.

L’aeroporto di Pisa e la posizione della città sono invece baricentriche per uno sviluppo infrastrutturale della costa toscana, che non può prescindere da una rete ferroviaria dell’alta velocità, oggi assente, e dal completamento di una viabilità stradale, come quella da Rosignano a Civitavecchia. Il senso dei tre emendamenti che ho presentato a Bruxelles, quindi, non è solo sottolineare la valenza del ruolo di Pisa nel contesto aeroportuale italiano, ma dimostrare come l’interconnessione infrastrutturale tra la rete stradale, ferroviaria e aeroportuale di Pisa possano diventare quel volano per lo sviluppo di tutta la costa della Toscana atteso sì, ma mai realizzato, a causa di scelte politiche miopi di chi ha governato da sempre la regione”.

LUCCA COMICS&GAMES: CECCARDI, EVENTO DA RECORD. DIVENTI MODELLO DA IMITARE PER LE MANIFESTAZIONI DEL NOSTRO PAESE

LUCCA COMICS&GAMES: CECCARDI, EVENTO DA RECORD. DIVENTI MODELLO DA IMITARE PER LE MANIFESTAZIONI DEL NOSTRO PAESE 768 960 redazione web


LUCCA COMICS&GAMES, CECCARDI, EVENTO DA RECORD. DIVENTI MODELLO DA IMITARE PER LE MANIFESTAZIONI DEL NOSTRO PAESE

“Professionalità e competenza sono sinonimo di numeri da record. Un plauso, da parte mia, al sindaco di Lucca Mario Pardini, che grazie ad un lavoro imponente, ha reso possibile la kermesse Lucca Comics&Games  2022 come non si era ancora mai vista: quasi 292mila biglietti venduti. Un successo del genere sia un modello per tutte le altre manifestazioni nazionali”.

Così l’europarlamentare della Lega Susanna Ceccardi, commenta, durante la sua visita all’edizione 2022 di Lucca Comics&Games, in corso fino al primo novembre, i numeri da record della kermesse, che superano di gran lunga quelli del 2016, anno fino a questo momento ‘detentore’ del primato (271.208 biglietti venduti, mentre nell’ultimo anno prima della pandemia, il 2019, il dato si era fermato a 270.003).

“Mario Pardini, oggi primo cittadino, è stato parte integrante di Lucca Comics prima da coordinatore e fondatore dell’Area Movie, poi da presidente di Lucca Crea. Sta dimostrando, in queste ore, che cosa significhino merito e competenza pregresse al servizio di quella che è la più importante rassegna italiana del settore, seconda al mondo solo al Comiket di Tokyo. Dopo gli anni durissimi della pandemia, il titolo dell’edizione di quest’anno, Hope, non poteva che essere la scelta più giusta e il messaggio migliore da dare ai visitatori che raggiungono Lucca, in queste ore, da tutta Italia e da oltre confine”. L’Onorevole Ceccardi, durante la sua visita, si è soffermata agli stand allestiti dalle forze dell’ordine e, in particolare, dall’Esercito Italiano. “Sono rimasta colpita – ha dichiarato Ceccardi – dal numero di visitatori, grandi e piccoli che, interessati ed attenti, si confrontano con le nostre donne ed i nostri uomini dell’Esercito. Il loro ‘mettersi in mostra’ e a disposizione degli altri, letteralmente, durante questo importante evento internazionale, dimostra quanto il loro lavoro sia parte integrante della nostra vita e di quanto le persone gli siano riconoscenti”.